Anestesia indolore: una nuova opportunità per superare la paura del dentista

L’anestesia è un fondamentale approccio preliminare per poter effettuare ogni intervento odontoiatrico: se non ci fosse, il paziente sarebbe costretto a sopportare dolori intollerabili, che equivarrebbero a una vera e propria tortura!

Nonostante ciò, e assodata l’utilità dell’anestesia, sono ancora molti i pazienti che hanno timore di sottoporsi alle “punture” legate alla stessa. E non parliamo solamente dei bambini e delle persone meno abituate a sedersi sulla poltrona del dentista, quanto anche di coloro che, più “esperti” di sedute odontoiatriche, proprio non riescono ad abituarsi all’idea che la propria gengiva finisca con l’essere punta dall’ago.

superare paura del dentistaEbbene, da qualche tempo qualcosa è cambiata negli studi clinici, considerato che sempre più dentisti stanno provando con soddisfazione nuovi approcci di anestesia indolore. Ma di cosa si tratta?

Cos’è l’anestesia indolore

Sebbene in commercio esistano diversi sistemi di anestesia indolore, quelli più diffusi hanno una procedura sostanzialmente simile, e rappresentata da un’anestesia controllata elettronicamente, praticamente indolore: il micro ago viene infatti dirottato mediante un manipolo con facile impugnatura che, unitamente alla possibilità di ruotare completamente lo stesso, favoriscono l’effettuazione di un’anestesia che il paziente non sentirà, con notevoli benefici non solamente per lo stesso paziente (che non subirà i fastidi fisici e psicologici dell’anestesia) quanto anche per il dentista stesso. Ma quali sono questi vantaggi?

I vantaggi dell’anestesia indolore per il dentista

anestesia indoloreIn realtà, anche se quando si parla di anestesia indolore la mente corre principalmente ai vantaggi per il paziente più fobico, non bisogna mai sottovalutare che questo sistema ha importanti benefici anche nei confronti del professionista, che potrà ad esempio effettuare un’anestesia su più denti con una sola iniezione, migliorando il proprio rapporto con il paziente grazie alla possibilità di evitare parestesia o torpori di lingua, gengiva e guance: si tratta dunque di un’anestesia utilissima per tutti quegli interventi da “pausa pranzo”, in cui i pazienti vorrebbero evitare qualsiasi tipo di pregiudizio pomeridiano.

Non solo. Grazie alle anestesie indolori di nuova generazione, il dentista riuscirà a conseguire una perfetta ottimizzazione dell’appuntamento, valutato che il paziente – come sopra abbiamo già avuto modo di anticipare – potrà tornare a lavorare, parlare e mangiare subito dopo l’intervento.

La massima fidelizzazione dei pazienti, l’introduzione di un sistema ideale per la cura dei pazienti più giovani (i bambini) e per i pazienti fobici (che hanno paura degli interventi odontoiatrici), amplierà notevolmente la soddisfazione e la fidelizzazione della clientela, contribuendo così a migliorare il proprio business.

Insomma, un sistema innovativo, di pratico utilizzo, pronto da fruire. Quanto basta per poter portare pazienti e dentisti verso un percorso comune di maggiore ricorso a questo approccio di anestesia in dolore.

Se dunque siete pazienti di studi odontoiatrici, la prossima volta che vi recate dal vostro dentista di fiducia abbiate l’accortezza di domandargli se ha adottato o ha intenzione di adottare dei sistemi di anestesia indolore di nuova generazione. Se invece siete dei dentisti, provate a contattare uno dei fornitori qualificati di questi sistemi: siamo certi che i benefici non tarderanno a farsi apprezzare!

Condividilo!